Il 18 aprile 2018 è stato presentato, presso l’università Telematica San Raffaele di Roma, il progetto “Human Telemetry System”, un innovativo sistema di raccolta dati e analisi che permette di monitorare il pilota durante la gara per creare un allenamento e una dieta ad hoc. Il progetto in qualche modo cambia la concezione attuale del pilota. Fino ad oggi si è sempre raccolto dati e intervenuto sulla macchina. Adesso il pilota diventa parte integrante dello sviluppo.

L’idea è nata dal giovane pilota e Ceo della start Up Formula Center Italia, Davide Venditti, in collaborazione con le Università Federico II di Napoli (Dipartimento di Ingegneria Industriale e Dipartimento di Ingegneria Elettrica) e Università Telematica San Raffaele di Roma, oltre che a diversi partner tecnici, tra cui MegaRide, Imperiale Racing, Squadra Corse supported by Lamborghini, Scuderia DF Corse, F4 Italian Championship Racing Team.

RCST (la sigla sta per Respiro, Cuore, Sudore, Tensione) è un sistema di rilevazione funzionale di diversi parametri del pilota, tramite sensori applicati direttamente sul corpo, dalla respirazione ai valori cardiaci, dalla sudorazione al rilascio di adrenalina ed ai livelli di glucosio, oltre alla pressione esercitata dalle mani sul volante.
Una raccolta dati che funziona esattamente come la normale telemetria di un’auto da corsa.
Tali dati, grazie agli algoritmi del sistema RCST, sono acquisiti, elaborati, messi in correlazione ed allo stesso tempo rapportati al circuito, per migliorare l’ergonomia nell’interazione pilota-vettura per le specifiche richieste di gara, con miglioramento delle prestazioni, ed in base agli sforzi ed alle eventuali carenze si pianifica un allenamento mirato e una dieta pre e post-gara per i piloti.